Cereali integrali: fonte di “energia pulita” e preziosa

Negli ultimi anni i cereali integrali sono diventati oggetto di numerosi studi e ricerche scientifiche, che hanno messo in luce i benefici che apportano al nostro organismo. A differenza dei cereali raffinati, come pasta, pane, riso, fette biscottate e dolci, gli integrali forniscono “energia pulita” che alimenta il nostro organismo e gli consentono di svolgere tutte le sue funzioni in stato di salute.


Ma perché i cereali integrali sono così preziosi? E perché sono da preferire a quelli raffinati? Scopriamolo insieme.


Cereali integrali vs cereali raffinati


Ogni chicco di cereale, in natura, è formato da tre parti distinte:



  • Crusca esterna: è lo strato più esterno del cereale, ricco di fibre e micronutrienti

  • Germe interno: è la base del nucleo del seme, ricco di micronutrienti, proteine e sostanze antiossidanti

  • Endosperma: è il reticolo di cellulosa, ricco di amidi e proteine ma carente in vitamine e sale minerali


Il processo di lavorazione che trasforma il cereale integrale in raffinato porta all’eliminazione della crusca e del germe del chicco. A differenza del cereale integrale, che mantiene tutte e tre le componenti, il cereale raffinato conserva solo l’endosperma e perde un grande quantitativo di preziosi nutrienti, ovvero:



  • l’80% della fibra

  • oltre il 70% delle vitamine del gruppo B

  • il 90% di vitamina E

  • il 50% di altri antiossidanti come polifenoli e minerali

  • una parte di proteine


Cereali integrali e benefici


Il consumo di cereali integrali, combinato a una regolare attività fisica, può portare a numerosi benefici per il nostro organismo, quali:



  • rafforzamento del sistema immunitario

  • riduzione dei processi infiammatori

  • protezione delle cellule dai radicali liberi


Le fibre presenti nei cereali integrali contribuiscono anche al buon funzionamento del sistema gastro-intestinale, alla prevenzione delle malattie cardiovascolari e di tumori del colon. Secondo recenti studi medici, chi assume giornalmente tre o più porzioni di alimenti integrali ha il 20-30% di possibilità in meno di sviluppare problemi cardiovascolari.


Quali sono i cereali integrali?


Qui trovate alcuni cereali integrali facilmente reperibili:



  • Grano o frumento, di tipo tenero o duro: è tra i più consumati in Italia

  • Riso integrale: aiuta a sintetizzare i grassi e protegge il sistema nervoso

  • Mais: pianta dalle origini antichissime e tra le più coltivate al mondo

  • Orzo: ampiamente diffuso nell’area mediterranea, è ricco di fibre

  • Avena: assicura energia a lungo termine e aiuta la digestione

  • Segale: ricca di proprietà nutritive e fibre

  • Miglio: diuretico e energizzante, aiuta a combattere stress e stanchezza

  • Kamut: rappresenta una valida alternativa al riso, è energizzante



  • Farro: ha un elevato contenuto proteico


Integrare i cereali alla nostra alimentazione


Il consumo di cereali integrali dovrebbe cominciare dalla prima colazione, il pasto più importante della giornata. Per esempio, potete iniziare a sostituire i biscotti industriali con fiocchi o muesli integrali. Al supermercato è sempre più facile trovare prodotti realizzati con farine integrali – e se avete bisogno di una consulenza nutrizionale personalizzata, potete rivolgervi al personale qualificato del centro Choice Wellness Health Spa. Un nutrizionista si prenderà cura della vostra salute e delle vostre esigenze, per aiutarvi a ritrovare il vostro equilibrio alimentare.


 


Condividi